Header

Il nuovissimo sito EWWR Commitment – “Mi impegno” – è pensato per supportare, incoraggiare e rendere più semplice prendere con sé stessi –e condividere con gli altri!- l’impegno nella lotta ai rifiuti.

Il sito EWWR Commitment è infatti strutturato per mostrare come adottando alcuni semplici, piccoli gesti ogni giorno (non sprecare, donare, compostare, riciclare…) possiamo contribuire a ridurre sensibilmente la massa di rifiuti che sommerge il pianeta e ne consuma le risorse naturali. Anche il riuso e la raccolta differenziata vengono qui considerati: sono azioni che aiutano a evitare che il rifiuto sia prodotto o a garantirne il reimpiego e/o il riciclo.

mi impegnoIl sito è semplice e immediato: c’è una sola pagina di approdo, la home page, dalla quale si ha una visione d’insieme degli impegni proposti e di quante altre persone hanno già deciso di impegnarsi in una delle azioni concrete.

Le caselle con le foto esplicative mostrano i temi sui quali il sito si concentra (ad esempio Svuotare gli imballaggi, Stampare, Prendere in prestito-in affitto ecc.). un profilo personale può essere creato in pochi minuti.

La vera novità del sito è che integra un sistema di condivisione dell’impegno preso – e questo lo rende a pieno titolo un’azione SERR: che comprende, cioè, l’elemento dicomunicazione e diffusione intorno a noi del messaggio virtuoso di riduzione dei rifiuti.

Non ci resta che provarlo —> http://www.ewwrcommitment.eu/

Fonte

Le eccedenze alimentari sono cibo e i prodotti che, pur rispondendo agli standard qualitativi di sicurezza alimentare, non sono acquistati o consumati dai clienti e dalle persone per cui sono stati prodotti, trasformati, distribuiti, serviti o acquistati. La parte di eccedenze non recuperate per il consumo umano o per l’alimentazione animale o ancora per la produzione di beni o energia diventa spreco.

Le cause che determinano eccedenze, rimanenze o sprechi sono molteplici e variano a seconda delle fasi della filiera agro-alimentare.

Secondo la Fao in Europa vengono scartate  oltre 90 milioni di tonnellate di cibo all’anno, quasi 180 chilogrammi a testa, e nel mondo si arriva a  sprecare circa il 33% degli alimenti destinati al consumo umano (qualcosa come 1,3 miliardi di  tonnellate). Circa il 51,2% della frutta e il 41,2% della verdura vengono gettati ancora freschi.

Un  problema sociale planetario che si traduce anche in una perdita economica per le famiglie di circa  470 euro all’anno.  Al di la’ delle medie statistiche, chiediamoci cosa possiamo fare.

Dizionario dei Rifiuti promuovere da tempo l’adozione di un comportamento corretto sul tema della raccolta differenziata.

Zero sprechiRecentemente in Basilicata, invece, il Consiglio regionale ha approvato all’unanimità la proposta di legge presentata da Polese e sottoscritta anche da Cifarelli, Spada e Robortella su “Contrasto al disagio sociale mediante l’utilizzo di eccedenze alimentari e non”. Con tale atto si vuole promuovere le attività di recupero e distribuzione delle eccedenze alimentari e non alimentari per contrastare la povertà e il disagio sociale e va nella direzione di trasformare gli sprechi alimentari o eccedenze, in opportunità verso quei soggetti che vivono in condizioni di povertà ed esclusione sociale, promuovendo l’attività di recupero attraverso anche le importanti reti di volontariato.

Nella splendida cornice di Maratea, il 26 Agosto ore 19.00 si parlerà di questa legge e delle buone pratiche che si possono mettere in atto.

 

 

Meno una settimana per candidarsi al Comuni Ricicloni 2015.

Per partecipare è necessario compilare la scheda on line presente sul sito www.ricicloni.it oppure trasmettere quella cartacea via fax al numero 02.97699303 entro e non oltre l’11 maggio 2015.

Riconsegnare al fornitore un contenitore ormai vuoto e ricevere, in cambio, una piccola somma di denaro: ecco, in breve, il significato di “vuoto a rendere”, una pratica che fino a non molti anni fa permetteva di evitare la produzione di grandi rifiuti da imballaggio.

GQEPAvkQKBOXGXl-800x450-noPadQuesta buona abitudine è tuttora diffusa in molti Paesi dell’Unione europea, dove i cittadini consumatori, anche nei supermercati, possono restituire gli imballaggi nelle apposite macchinette, ritirando la cauzione versata. Non è così in Italia, dove le lobby dell’imballaggio plastico in primis hanno fatto di tutto perché il vuoto a rendere venisse “abrogato”, in nome di un “usa e getta” non più giustificabile né sul piano etico né su quello economico.

 

Firma la petizione di Rossano Ercolini

E se avessimo un Robot come cestino, saremmo più incentivati a gettare i nostri rifiuti?

robot cestno

Ha le sembianze di R2-D2, il simpatico astrodroide di Guerre stellari, questo cestino di fattura giapponese. Utilissimo, anche se non sa parlare

Altri bidoni stravaganti dove gettare i rifiuti li trovate qui.

Lo sapevate che le migliori esperienze europee nei servizi della raccolta differenziata sono italiane? Lo sapevate che sono tutte gestite da società e consorzi pubblici? E che un’Italia che a fatica raggiunge il 40% di raccolta differenziata brillano esperienze di gestioni oculate, di servizi di eccellenza, con livelli di differenziata elevatissimi, bilanci in utile e tariffe eque?

 

La storia del Dizionario dei Rifiuti raccontata nel libro "I rifiuti non esistono"

  La storia del Dizionario dei Rifiuti raccontata nel libro “I rifiuti non esistono”

 

Tutto questo e la nostra storia nel nuovo libro di Marco Boschini e Ezio Orzes “I rifiuti? Non esistono! Due o tre cose da sapere sulla loro gestione”

 

E’ stato un 2014 di nuovi record e di grandi soddisfazioni.
Dalla vittoria della StartCupBasilicata alla diretta in RAI.
Dalla partecipazione alla Repubblica delle Idee all’attivazione di Roma.
E’ stato l’anno di grandi numeri raggiunti: MEZZO MILIONE di utilizzi!!!!

Questo video è per ringraziare le decine di migliaia di utenti che usano la nostra piattaforma, e che danno al team del Dizionario dei Rifiuti la forza, l’entusiasmo e la volontà di continuare e di fare sempre meglio.

 

https://www.youtube.com/watch?v=oUCPbPow1pU

Dopo un’intensa attività di test e le numerose richieste giunte dai cittadini, dal 7 Luglio saranno finalmente attivi i servizi del Dizionario dei Rifiuti anche per i cittadini del Comune di Roma. I servizi saranno inizialmente disponibili per i cittadini dei Municipi VI e IX, ma lo staff del Dizionario dei Rifiuti assicura presto l’estensione del servizio a tutti i cittadini della capitale.

Dizionario dei Rifiuti

Dizionario dei Rifiuti

Dizionario dei Rifiuti è il primo motore di ricerca italiano dedicato alla raccolta differenziata, disponibile sul web e come app per dispositivi mobili. Nato nel 2011 dall’idea del giovane Francesco Cucari, il Dizionario dei Rifiuti è oggi noto in tutta Italia, anche grazie alla partecipazione del team a diversi incontri nazionali di rilievo, da ultimo “La Repubblica delle Idee”. Oggi è un vero e proprio servizio pubblico a disposizione del cittadino che ha la possibilità di fugare tutti i dubbi legati alla raccolta differenziata e di avere a portata di mano tutte le informazioni sulle modalità di raccolta del proprio comune. Il Dizionario dei Rifiuti è già attivo su più di 60 comuni italiani rivolgendosi ad oltre 3,5 milioni di cittadini.

 

Dove lo butto?

Tramite la funzione “Dizionario”, i cittadini di Roma potranno ricercare, proprio come un motore di ricerca, il giusto conferimento di un particolare rifiuto. Vengono inoltre forniti suggerimenti e informazioni utili per effettuare una corretta raccolta secondo le indicazioni fornite dai principali consorzi di filiera. Il database è in continuo aggiornamento, anche grazie alle segnalazioni da parte dei cittadini.

Quando devo esporre il contenitore della carta questa settimana?

Un calendario settimanale consultabile in ogni momento ricorda ai cittadini i giorni di raccolta per ogni tipo di rifiuto. È inoltre possibile attivare un comodo servizio di notifica: sarà il tuo smartphone a ricordarti cosa buttare e quando!

Dov’è l’Isola Ecologica? E l’Ecosportello? Sarà aperto oggi?

I punti d’interesse relativi alla raccolta differenziata con orari e localizzazione saranno disponibili e consultabili dal tuo smartphone grazie alla funzione “Info/Mappe”, fondamentale per i comuni con elevata presenza di turisti che avranno facilmente e gratuitamente tutte le informazioni utili in pochi secondi.

Come faccio a buttare il mio divano?

Con la funzione “Servizi su chiamata” un’interfaccia utile e semplice permette di prenotare il ritiro di rifiuti ingombranti o sfalci verdi comodamente dal proprio smartphone.

 

Il Dizionario dei Rifiuti è scaricabile gratuitamente per smartphone e tablet con sistema Android e iOS sui rispettivi market online: Google Play e App Store.

I cittadini potranno consultare le funzionalità del Dizionario dei Rifiuti anche sul sito roma.dizionariodeirifiuti.it, dove si potrà accedere ad una pagina dedicata alla Capitale.

L’attivazione gratuita ha come scopo quello di facilitare la raccolta differenziata per i cittadini, certi che un’informazione esatta, tempestiva e anche innovativa possa renderla più semplice.

Dizionario dei Rifiuti sottolinea come l’attivazione per i cittadini romani sia totalmente gratuita e priva di costi sia per l’Ente comunale che per il gestore dei servizi e finalizzata a fornire un supporto ai cittadini per una raccolta differenziata di qualità.

 

Cosa altro aspetti? Scarica l’app e consulta il sito!! Con il Dizionario dei Rifiuti, la raccolta differenziata non è mai stata così semplice!

App Android: Google Play

App iOS: App Store

Sito web: www.roma.dizionariodeirifiuti.it

Dizionario dei Rifiuti ha due nuove versioni per voi, una per Android e una per iOS (iPhone e iPad)!

Dopo una fase di test e dopo i tanti consigli e suggerimenti dei nostri utenti abbiamo rilasciato un nuovo aggiornamento delle app che permtte di migliorare l’esperienza d’uso della piattaforma. Così, la raccolta differenziata non è mai stata così semplice!

Cosa c’è di nuovo??

Update DDR1 ) Abbiamo inserito tutti i comuni italiani (8057) per i quali è possibile utilizzare, per il momento, la funzionalità “Dizionario” e conoscere il giusto conferimento dei rifiuti grazie alle indicazioni fornite dai principali consorzi di filiera.

2 ) Puoi condividere le tue ricerche sui social network e via mail! Così puoi far conoscere anche ai tuoi amici come va gettato un rifiuto e sensibilizzarli ad una corretta raccolta differenziata.

3 ) Puoi inviare un feedback o una segnalazione direttamente dall’app. Se c’è qualcosa che non va o hai trovato delle informazioni non corrette, puoi segnarlo in modo rapido e cercheremo di risolvere il problema al più presto!

4 ) Puoi visualizzare la percentuale di raccolta dei comuni attivi nel nostro network.

5 ) Nella versione Android abbiamo inserito un nuovo time picker per settare l’alert che ti ricorda quando gettare una tipologia di rifiuto ed è ora possibile visualizzazione il calendario della settimana successiva, oltre a quella corrente.

Cosa altro aspetti?? Aggiorna l’app!!!

ANDROID: bit.ly/dizio_Android

IOS: bit.ly/dizio_iOS_ 

SITO WEB: http://www.dizionariodeirifiuti.it

 

Il Dizionario dei Rifiuti si evolve ancora. Da oggi è disponibile un nuovo portale web con una grafica rinnovata e con nuove funzionalità che semplificheranno ancor di più la raccolta differenziata per i cittadini.

Tra le nuova funzionalità, è disponibile “News dal tuo Comune”: un servizio informativo, che permette all’Amministrazione Comunale di aprire un filo diretto con i cittadini, informandoli, in tempo reale, circa le attività dell’Ente, tramite una notifica sul proprio smartphone. Tale notizia può essere poi condivisa facilmente sui social network, in modo da informare, attraverso le potenzialità della rete, tutti i propri amici e conoscenti.

Altra novità riguarda la possibilità di conoscere la percentuale di raccolta differenziata del proprio comune. I cittadini, in modo trasparente, potranno conoscere la percentuale di raccolta, impegnandosi quotidianamente affinché aumenti il più possibile.

Infine, il Dizionario dei Rifiuti diventa più social. Con il nuovo sito i cittadini potranno condividere sui principali social network le ricerche effettuate, facendo conoscere ai propri amici il giusto conferimento dei rifiuti, fugando tutti i dubbi che si possono creare nella differenziazione dei rifiuti.